L'Associazione

Cives nasce nel 2009 a Bergamo per reazione alla campagna omofobica montata per contrastare l’iniziativa legislativa sull’istituzione dei PACS. In particolare un evento drammatico ci ha colpito ed indotto a ragionare e a decidere sulla fondazione di un comitato Arcigay nella nostra città, che ne era priva. Ci siamo chiesti quale fosse la nostra responsabilità di adulti di fronte ai giovani. La risposta che ci siamo dati è che avevamo sì una responsabilità, quella di farci carico della nostra felicità, del desiderio di giustizia che individualmente non può essere conseguita, di farsi carico delle nostre aspirazioni e bisogni.

Abbiamo quindi costituito questa associazione attorno all’idea della responsabilità di prenderci cura di quello che vorremmo per noi stessi, di promuovere personalmente le nostre idee, ed iniziative trovando negli altri il sostegno necessario.

Cives si struttura in gruppi tematici proprio in quest’ottica e confida nell’apporto di volontari che vogliano promuovere i propri progetti appoggiandosi all’associazione e alle sue competenze e risorse.

I nostri obiettivi sono: promuovere e tutelare il diritto all’uguaglianza tra ogni persona sia essa gay, bisessuale, lesbica, transessuale o eterosessuale; affermare principi e relazioni di solidarietà; lottare contro ogni forma di violenza e discriminazione dei diritti umani, civili e di cittadinanza delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans.
Promuovere la visibilità e la piena partecipazione alla vita sociale e civile delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans.
Proporre politiche culturali, sociali, e dibattito intorno alle tematiche dell’omosessualità, del lesbismo e della transessualità.

Arcigay Cives crede in una società laica e democratica in cui le libertà individuali e i diritti umani e civili siano riconosciuti, promossi e garantiti senza discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale, l’identità di genere e ogni altra condizione personale e sociale e in cui la personalità di ogni individuo possa realizzarsi in un contesto di pace e di sereno rapporto con l’ambiente sociale e naturale. L’associazione è indipendente da qualsiasi governo, ideologia politica, interesse economico o religioso ed è finanziata principalmente dai soci o da donazioni private o pubbliche.

L’origine del nome CIVES
La parola latina per “cittadini”, cives, è stata scelta significativamente dai soci al Congresso di Fondazione come nome per il Comitato Provinciale di Arcigay a Bergamo.

Il nome allude direttamente alla rivendicazione della piena cittadinanza per i cittadini LGBT, ossia Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transessuali. Cives non avanza richieste di tutele particolari, ma vuole la piena titolarità per i gay di quegli stessi diritti che sono scontati e garantiti agli altri cittadini, come il diritto a sposarsi con la persona che si ama, il diritto alla propria integrità fisica e morale, alla salute, alla considerazione da parte delle istituzioni e delle autorità in quanto, appunto, cittadini che pagano le tasse, che contribuiscono alla vita civile con il proprio apporto alla vita culturale della società, che esercitano il voto e che sono attori economici di rilievo, non solo come consumatori e contribuenti, ma anche con le proprie professionalità e competenze, non ultime quelle imprenditoriali.

La Bergamasca è in una fase di cambiamento accelerato, anche se mascherato da fenomeni reattivi come la paura verso l’immigrato e il manifestarsi di timori di perdita del proprio benessere e della propria identità atavica. Sotto ad una crosta di immobile tradizionalismo c’è un’effervescenza che nelle nostre speranze darà presto luogo a un mileu aperto e pronto alle sfide del futuro, un paesaggio dalle tre T di Florida:Tolerance, Talent, Technology.

Un paio di queste T ci appartengono, come associazione di promozione sociale; Cives è una di quelle forze che hanno tra i propri obiettivi l’abbattimento dei pregiudizi e la formazione culturale. Cives è espressione di questa città e come tale può raccontare un pezzo della sua realtà.

Noi vogliamo parlare della vitalità associativa e la ricchezza culturale, multipla e pluridentitaria della città. Gay, lesbiche sono una sua risorsa. Gay e lesbiche sono medici, insegnanti, ingegneri, lavoratori, figli, genitori e vicini  di casa. Rafforzare i diritti di questa comunità significa rafforzare l’intera cittadinanza.

Arcigay è un’associazione senza scopo di lucro, nata nel 1985, che opera su tutto il territorio nazionale attraverso i suoi comitati locali, i circoli e le associazioni affiliate per la realizzazione dell’uguaglianza tra individui a prescindere dall’orientamento sessuale e dall’identità di genere.

È articolata in gruppi di volontariato, i comitati provinciali, composti da persone gay, lesbiche trans e non, volontari e professionisti.
È organizzata attraverso una sede nazionale, che coordina le attività di informazione, prevenzione, e difesa dei diritti della comunità lgbt (lesbica, gay, bisessuale e trans) e opera per la crescita e la diffusione delle sedi locali che agiscono a livello regionale, provinciale e cittadino.
Arcigay collabora con altre associazioni non governative italiane ed europee e con le principali istituzioni nazionali ed internazionali.

arcigay-1000x500

La mission

Promuovere e tutelare il diritto all’uguaglianza tra ogni persona sia essa gay, bisessuale, lesbica, transessuale o eterosessuale; affermare principi e relazioni di solidarietà; lottare contro ogni forma di violenza e discriminazione dei diritti umani, civili e di cittadinanza delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans.
Promuovere la visibilità e la piena partecipazione alla vita sociale e civile delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans.
Proporre politiche culturali, sociali, e dibattito intorno alle tematiche dell’omosessualità, del lesbismo e della transessualità.

Valori e principi

Arcigay crede in una società laica e democratica in cui le libertà individuali e i diritti umani e civili siano riconosciuti, promossi e garantiti senza discriminazioni fondate sull’orientamento sessuale, l’identità di genere e ogni altra condizione personale e sociale e in cui la personalità di ogni individuo possa realizzarsi in un contesto di pace e di sereno rapporto con l’ambiente sociale e naturale. L’associazione è indipendente da qualsiasi governo, ideologia politica, interesse economico o religioso ed è finanziata principalmente dai soci o da donazioni private o pubbliche.

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi