Ragazzo gay suicida a Roma. Lascia biglietto: «Stanco dell’omofobia»

27 ottobre 2013
Commenti: 0
Categoria: News
27 ottobre 2013, Commenti: 0

«Nel 2013 c’è ancora l’omofobia, sono stanco». E’ il biglietto trovato dentro il borsello che portava a tracolla il ragazzo di 21 anni che si è ucciso l’altra notte gettandosi dagli edifici dell’ex fabbrica Pantanella. E’ la polizia ad indagare sul suicidio. Nessun dubbio che il ragazzo fosse gay e sono in corso indagini per capire, comunque, quale possa essere stato il motivo del gesto fatale. Simone, questo il nome del ragazzo, era uno studente universitario e viveva con i genitori.

«Il suicidio del ragazzo di 21 anni è un altro fatto tragico. Aspettiamo di avere maggiori informazioni, ma se come si apprende si tratta di un ragazzo gay, siamo di fronte ad un ennesimo caso. – dice Fabrizio Marrazzo, portavoce di Gay Center- I suicidi o i tentativi di suicidio di giovani omosessuali sono un dato allarmante. Alla nostra linea verde Gay Help Line 800.713.713 riceviamo 20.000 contatti all’anno e dai dati in nostro possesso risulta che un omosessuale su dieci nella sua vita ha pensato al suicidio». E aggiunge: «È ora di dire basta. Le istituzioni diano una risposta urgente nella lotta all’omofobia e nell’allargare la sfera dei diritti gay».

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi