Matrimoni e adozioni gay in Francia

2 febbraio 2013
Commenti: 0
2 febbraio 2013, Commenti: 0

La Francia approva matrimonio ed adozione gay.

Il Parlamento francese ha approvato la legge che autorizza il matrimonio civile e le adozioni per le coppie omosessuali.
Il ministro della Giustizia Taubira: “Prime unioni già a giugno”. Lanci di bottiglie e fumogeni in piazza.

Dopo il via libera parlamentare, sul tema deve infatti pronunciarsi la Corte costituzionale, anche se il suo disco verde viene dato per scontato. Si chiude quindi una vicenda che dal momento del varo del progetto di legge da parte del Consiglio dei ministri, il 7 novembre scorso, è durata cinque mesi e ha profondamente diviso il Paese. Ben più di quanto non avesse previsto François Hollande, che aveva inserito questo punto al numero 31 delle sue 60 promesse elettorali.

Il Le Monde sottolinea come «solo i cattolici integralisti siano arrivati al punto di stabilire un legame tra il matrimonio omosessuale e la poligamia». Altri giornalisti lanciano accuse di «omofobia» e «arretratezza della Chiesa».

La Conferenza episcopale dei vescovi non ha ancora preso una posizione ufficiale, ma «prima di toccare la dimensione sociale del matrimonio e della famiglia» in modo così pesante, il vescovo di Toulon, Dominique Rey, ha chiesto «un referendum per permettere un vero dibattito ed evitare il governo vada a rimorchio delle lobby omosessuali», solo la comunità islamica ha appoggiato le dichiarazioni del vescovo.

 

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.
Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi